Categorie
News

A Novezza il CDA approva il piano di informazione e promozione territoriale

Secondo Consiglio di amministrazione itinerante per il GAL Baldo-Lessinia. Dopo quello dello scorso 29 aprile a Sant’Anna D’Alfaedo, il presidente Ermanno Anselmi e tutti gli altri consiglieri si sono ritrovati lunedì 27 giugno nella meravigliosa cornice dello Chalet Novezza, struttura turistico ricettiva ed enogastronomica che si trova proprio a Novezza, nel Comune di Ferrara di Montebaldo.

Un’occasione per fare il punto sui bandi in istruttoria e sul bando aperto in questo momento, ma soprattutto per deliberare un progetto di informazione e promozione che coinvolge tutti e cinque i “Progetti Chiave” del GAL Baldo-Lessinia.

A illustrare e verbalizzare i punti all’ordine del giorno la direttrice del GAL Elisabetta Brisighella.

Previsti dal PSL (Piano di Sviluppo Locale) “IN.S.I.E.M.&” 2014/20, i cinque Progetti Chiave si sono posti in questi anni l’obiettivo di favorire l’interazione tra soggetti pubblici e privati in funzione della crescita dei territori di riferimento, allo scopo di consolidare e rafforzare specifiche opportunità di sviluppo, e di trovare soluzioni a criticità e problematiche, qualora ci fossero, presenti all’interno degli stessi.

«Ci siamo ritrovati questa volta sul Baldo assieme a tutti i consiglieri per fare il punto della situazione, ma anche per varare questo importante piano di informazione e promozione che coinvolgerà tutti i comuni e tutti i territori di pertinenza del GAL, dando un impulso prezioso in un momento in cui le difficoltà, sul piano sanitario, economico e sociale, sono molte. – afferma Ermanno Anselmi – Stiamo parlando di azioni specifiche per la realizzazione di attività di informazione, animazione e promozione dei cinque Progetti Chiave del GAL finalizzate a favorire e diffondere la conoscenza e la fruibilità dei territori e dell’offerta turistica delle aree rurali».

Ermanno Anselmi, presidente del GAL Baldo-Lessinia.
Ermanno Anselmi, presidente del GAL Baldo-Lessinia.

«Veniamo da anni, soprattutto gli ultimi due, delicati anche per gli enti locali, i comuni, che nonostante ciò si sono impegnati a creare opere infrastrutturali sul territorio, piste ciclopedonali, pulizia e segnaletica sui sentieri…e questo anche grazie anche a bandi messi a disposizione del GAL – prosegue il presidente Anselmi – Ora proprio il GAL vuole offrire un’ulteriore azione complementare e fondamentale per promuovere quei territori che hanno creduto nei Progetti Chiave e che li hanno sviluppati nel corso del tempo».

«Come dicevo, il momento che stiamo attraversando, in generale, con l’emergenza Covid non ancora terminata, con l’aumento dei prezzi e con le tensioni internazionali dovuti al conflitto russo-ucraino, ci mette a dura prova, anche come GAL, tuttavia incontri come quello di oggi servono a riorganizzare le idee, a trovare nuove opportunità, pianificare nuove azioni in vista del prossimo autunno e, al contempo, a fare squadra. Il Consiglio di amministrazione è coeso, operoso e sarà sempre a fianco degli attori del territorio per creare sinergie e iniziative di sviluppo e promozione».

I cinque Progetti Chiave  

Il Progetto Chiave PC01 ha coinvolto un arco di comuni che vanno da San Zeno di Montagna a Vestenanova passando dalla Lessinia centrale e ha gettato le basi per alcune iniziative di sviluppo relative al turismo escursionistico lungo un percorso ciclopedonale denominato Alta Via della Montagna veronese, sull’esempio di Alte vie famose d’Italia.

Il Progetto Chiave PC02 (La Dorsale della Storia), sempre rimanendo in tema di percorsi naturalistici, ha permesso la nascita della Vecia Via della Lana, un percorso di 48 chilometri inaugurato lo scorso settembre che attraversa ben sei comuni della Val Tramigna e della Val d’Illasi con lo scopo di valorizzare il patrimonio ambientale circostante e di incentivare la mobilità sostenibile e il coinvolgimento delle strutture ricettive che insistono sul tracciato.

Il Progetto Chiave 03 ha riguardato il cicloturismo in Valpolicella. Grazie al GAL sono stati sistemati su questo territorio dei sentieri, poi attrezzati con cartellonistica e arredo urbano, visibili all’interno del sito www.infovalpolicella.it, realizzato dalla Strada del Vino della Valpolicella e finanziato sempre da GAL.

Il Progetto Chiave PC04 ha interessato lo sviluppo del turismo sostenibile, in particolare di quello sportivo, sulle zone del Baldo e del Garda. Anche in questo caso le sinergie tra GAL Baldo-Lessinia e associazioni territoriali hanno portato alla nascita di un sito, www.leviedelbaldogarda.it, realizzato dall’Unione Montana del Baldo-Garda.

Infine, il Progetto Chiave PC05. Ci spostiamo nell’entroterra del Lago di Garda per incontrare il cosiddetto Cammino del Bardolino, un percorso ciclopedonale di circa 100 chilometri che interessa e attraversa sei comuni gardesani. Dettagli sul sito: www.visitbardolino.it > Bardolino> Esperienze> Il cammino del Bardolino.

Una risposta su “A Novezza il CDA approva il piano di informazione e promozione territoriale”


INTERVENTO 19.1.1 INTERVENTO 19.4.1

“Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
Organismo responsabile dell’informazione: Gal Baldo Lessinia.
Autorità di gestione: Regione Veneto – Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste”