Categorie
News

PAC2030, la Regione ha valutato le osservazioni del Partenariato 

A luglio il Consiglio regionale del Veneto ha approvato il Complemento per lo Sviluppo Rurale (CRS) 2023-2027, ovvero il provvedimento inserito nel quadro del Piano strategico nazionale della Politica agricola comune  (PSN PAC 2023-27), che descrive esaustivamente l’attuazione in Veneto della strategia per lo sviluppo rurale in fase di approvazione da parte della Commissione europea sul PSN PAC per l’Italia.

Il Complemento prevede l’attuazione di 45 interventi finanziati con circa 824 milioni di euro, provenienti dall’UE (40,7%, fondo europeo FEASR), dallo Stato (41,5%) e dalla Regione (17,8%), sulla base del riparto approvato dalla Conferenza Stato-Regioni il 21 giugno scorso. Si tratta di una prima versione ufficiale, la cui definizione è stata inaugurata nel 2018 con il coinvolgimento del tavolo di partenariato, che contiene una sintesi di una programmazione che punta sui i giovani, la sostenibilità, l’innovazione, la vivibilità, la fragilità dei territori.

A fine ottobre la Regione del Veneto ha reso note le valutazioni relative alle osservazioni formulate dal Partenariato proprio alla proposta di Complemento per lo Sviluppo Rurale, attraverso la consultazione online che si è svolta durante il periodo estivo 2022.

33 partner hanno presentato 11 osservazioni alla Dichiarazione strategica del CSR e ben 137 proposte di focalizzazione e/o integrazione degli interventi di sviluppo rurale proposti. Gli uffici regionali referenti degli interventi hanno valutato le proposte e le osservazioni, per verificarne la coerenza con il quadro normativo e con le priorità e le molteplici esigenze che sono state recepite nel percorso partenariale iniziato due anni fa e integrate nel quadro strategico complessivo.

Le proposte valutate come pertinenti e immediatamente accoglibili, ove possibile, sono già state trasmesse al Mipaaf, Autorità di gestione del Piano Strategico Nazionale (PSN) PAC 2023-2027 per l’Italia, ai fini della loro inclusione come “specifiche regionali” nella seconda versione del PSN. Numerosi contributi ricevuti, invece, hanno focalizzato elementi di dettaglio che saranno definiti all’interno delle disposizioni attuative: saranno pertanto considerati in tale sede, alla luce dell’approvazione  del PSN PAC per l’Italia.

Si è trattato di un momento importante di confronto con le rappresentanze regionali istituzionali, economiche, ambientali e sociali, alla vigilia della fase conclusiva dei negoziati che porterà all’approvazione del Piano strategico nazionale e, poi, del Complemento regionale.

Quando la seconda versione del PSN PAC per l’Italia sarà approvata dalla Commissione europea (prevista entro dicembre 2022), la Regione approverà il Complemento regionale nella sua versione definitiva.


INTERVENTO 19.1.1 INTERVENTO 19.4.1

“Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
Organismo responsabile dell’informazione: Gal Baldo Lessinia.
Autorità di gestione: Regione Veneto – Direzione AdG FEASR Bonifica e Irrigazione”