Categorie
News

Giovani imprenditori in montagna, UNIMONT raccoglie testimonianze

Si chiama GIM (Giovani Imprenditori in Montagna) ed è il nome che UNIMONT, Polo d’Eccellenza dell’Università degli Studi di Milano, ha dato al questionario disponibile online destinato a tutti gli imprenditori e le imprenditrici italiane attive nelle aree montane che abbiano un’età compresa tra i 18 e i 40 anni.

Un’iniziativa che ricade nel progetto nazionaleMontagne: Living Labs di innovazione per la transizione ecologica e digitale” e che ha lo scopo di raccogliere informazioni sulle realtà imprenditoriali giovanili che operano nelle montagne italiane, per individuare le caratteristiche, le motivazioni, le formule efficaci e le principali problematiche di un fenomeno che sembra coinvolgere un numero crescente di giovani e che rappresenta la vera chiave di volta per il futuro di questi territori. 

ACCEDI AL QUESTIONARIO: https://survey.zohopublic.eu/zs/3zDH5i 

I partecipanti al questionario avranno la possibilità di figurare nella sezione del sito web di UNIMONT dedicata ai giovani imprenditori e di essere coinvolti nelle iniziative promosse da dal Polo universitario a sostegno dell’imprenditoria giovanile in montagna. 

Le informazioni raccolte saranno quindi analizzate ed elaborate al fine di restituire delle linee guida che favoriscano il fenomeno dell’imprenditoria giovanile nei territori montani italiani, da condividere con gli stakeholder della montagna italiana. 

«Riteniamo che quella di UNIMONT sia un’iniziativa molto utile e significativa per avere contezza e consapevolezza di un trend in crescita anche nelle zone del veronese, in particolare del Baldo e della Lessinia. – commenta la direttrice del GAL Elisabetta Brisighella – Sono tante, infatti, le esperienze e le testimonianze che hanno coinvolto giovani nella nostra montagna e che, partecipando con la compilazione del questionario, avranno la possibilità di figurare nella sezione del sito web di UNIMONT dedicata ai giovani imprenditori».

«In questi ultimi anni, moltissimi progetti finanziati dal GAL sono stati ideati, promossi e realizzati da giovani imprenditori e imprenditrici del territorio, capaci di aggiudicarsi bandi e di portare a terra dei risultati concreti, non da ultimo l’esempio citato sul nostro sito ieri di Rachele Brunelli con l’avvio della sua nuova attività turistica a San Rocco di Piegara. – conclude la direttrice – Sarà interessante poi avere una mappatura complessiva a livello nazionale che raccolga le tendenze, le richieste e le aspettative dei nostri giovani in settori strategici dello sviluppo sostenibile».

Elisabetta Brisighella, direttrice del GAL Baldo-Lessinia
Elisabetta Brisighella, direttrice del GAL Baldo-Lessinia

INTERVENTO 19.1.1 INTERVENTO 19.4.1

“Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
Organismo responsabile dell’informazione: Gal Baldo Lessinia.
Autorità di gestione: Regione Veneto – Direzione AdG FEASR Bonifica e Irrigazione”