Categorie
News

Patrimonio architettonico e rurale, finanziati sette nuovi progetti

Salvaguardare e valorizzare il patrimonio storico, ambientale e culturale del territorio attraverso la conservazione attiva dei paesaggi rurali storici e degli immobili ed elementi del paesaggio di valore storico-architettonico. E’ questo l’obiettivo del bando TI 7.6.1, dal titolo “Recupero e riqualificazione del patrimonio architettonico dei villaggi e del paesaggio rurale, che ha concesso a sette beneficiari finanziamenti per una somma complessiva di 365.803,35 euro.

Per la formazione della graduatoria, lo scorso 26 settembre si è riunita la Commissione GAL-AVEPA, che ha definito i punteggi e assegnato gli importi a due imprese agricole e a cinque comuni compresi nel territorio del Baldo (Rivoli Veronese) e della Lessinia (Roverè Veronese, Selva di Progno, Badia Calavena e Mezzane).

I destinatari riceveranno nelle prossime settimane la lettera di finanziabilità, di cui nei prossimi giorni verrà pubblicato il decreto, e avranno 18 mesi per realizzare gli interventi proposti in sede di richiesta e partecipazione al bando.

Il TI 7.6.1 prevede il finanziamento di investimenti materiali di carattere edilizio per il recupero e la riqualificazione di immobili tipici dell’architettura e del paesaggio rurale, che rivestono interesse storico e/o testimoniale, anche non vincolati dalla legge, rappresentando significative testimonianze materiali della storia e della cultura delle comunità rurali locali, delle rispettive economie agricole tradizionali e dell’evoluzione del paesaggio rurale.

Anche per questo, ad esempio, a Mezzane saranno sistemati gli spazi interni alla torre dell’orologio, edificio simbolo del comune; oppure a Badia Calavena sarà sistemata una piccola piazza; e ancora, un’impresa agricola nel comune di Montecchia di Crosara sistemerà dei muretti a secco e un’altra, a Velo Veronese una dolina adibita a pozza di abbeveraggio per animali, con una cisterna e una fontana corrispondente.

«Il paesaggio storico e rurale è un patrimonio da conservare e da difendere con tutte le forze, – commenta Ermanno Anselmi, presidente del GAL Baldo-Lessinia – non a caso tra i progetti di cui andiamo più orgogliosi, e che abbiamo finanziato, ci sono gli Alti Pascoli della Lessinia e le colline terrazzate della Valpolicella, tesori paesaggistici di valore inestimabile».

«Questo bando, il TI 7.6.1, va proprio in quella direzione, cerca di preservare il patrimonio storico, architettonico e identitario della nostra montagna, del Baldo e della Lessinia, e permette che il contesto paesaggistico prosegua nel ruolo di narratore di una storia, di una tradizione e di diverse comunità che in questo luoghi affondano le radici. Un plauso a chi ha partecipato e a chi è stato finanziato perché l’approccio e lo spirito di conservazione e di valorizzazione sono tra quelli che più apprezziamo» conclude Anselmi.

Ermanno Anselmi, presidente del GAL Baldo-Lessinia.
Ermanno Anselmi, presidente del GAL Baldo-Lessinia.

INTERVENTO 19.1.1 INTERVENTO 19.4.1

“Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
Organismo responsabile dell’informazione: Gal Baldo Lessinia.
Autorità di gestione: Regione Veneto – Direzione AdG FEASR Bonifica e Irrigazione”