Categorie
News

Sviluppo Locale Leader, 60 milioni in Veneto in sei anni

Pubblicato qualche giorno fa il report sullo “Stato di avanzamento finanziario e procedurale” elaborato dall’Autorità di gestione del PSR Veneto con l’obiettivo di fare il punto sull’attuazione al 31 dicembre scorso della Misura 19 “Sviluppo locale “LEADER” nel quadro del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione del Veneto.

Il dato principale che emerge è che in sei anni sono stati finanziati interventi per sessanta milioni di euro in nelle aree rurali della nostra Regione.

Attraverso i Gruppi di azione locale veneti, tra cui anche il GAL Baldo-Lessinia, il Veneto con i fondi europei FEASR ha destinato alla suddetta Misura 70,2 milioni di euro, diventati poi 89,1 a seguito della proroga al 2022 della programmazione europea 2014-2020. All’interno di questo budget complessivo, la dotazione riservata all’attuazione della strategia (intesa come risorse destinate a beneficiari pubblici e privati del territorio tramite bandi) è arrivata a toccare i 75,8 milioni di euro. Di questi, l’80,2% – pari a 60,8 milioni – è già stato “concesso” (ovvero assegnato formalmente ai beneficiari) e il 56,9% – pari a 43,3 milioni di euro – è stato materialmente liquidato.

Secondo le elaborazioni della Rete Rurale Nazionale, inoltre, il Veneto è la prima regione italiana per avanzamento e stacca di oltre il 10% la Puglia, seconda regione a livello nazionale. Tutto questo è stato possibile grazie ai 241 bandi gestiti dai nove GAL del Veneto nel quadro dei rispettivi “Programmi di sviluppo locale”, 179 dei quali “pubblici” 62 a “regìa” e a “gestione diretta”.

Per quanto riguarda il nostro GAL, sono quasi otto (7.611.149) i milioni di euro di fondi pubblici messi a disposizione del territorio del Baldo e della Lessinia al 31 dicembre 2021, di cui oltre cinque (5.067.092) già liquidati nei confronti di 39 enti pubblici e 126 soggetti privati, per un totale di 165 progetti finanziati.

Agli otto milioni di spesa pubblica, se ne sono aggiunti quasi cinque e mezzo di contributo privato per un investimento complessivo sul territorio di oltre 13 milioni e mezzo (13.616.108).

Lo sguardo, da qualche settimana, si è posato sul Programma di Sviluppo Locale 2023-2027 che, diversamente dal passato, dura cinque anni e parte da un Piano Strategico Nazionale, passa attraverso un cosiddetto Piano di “Complemento” regionale e trova forma nelle Strategie di sviluppo locale – LEADER. Gli obiettivi della prossima programmazione sono favorire la vitalità delle zone rurali, contrastare lo spopolamento, la povertà e il degrado ambientale, e garantire sviluppo e progresso economico.

«La nuova programmazione, che sarà più breve rispetto alla precedente, con risorse ridotte, ci richiederà un maggiore sforzo in termini di progettazione, ottimizzazione delle risorse, ma garantirà comunque al nostro territorio tutti quegli obiettivi di crescita e di sviluppo che ci poniamo costantemente assieme a Regione e Unione europea e che abbiamo raggiunto con la precedente Programmazione che sta per concludersi» commenta Elisabetta Brisighella, direttrice del GAL Baldo-Lessinia.

Elisabetta Brisighella, direttrice del GAL Baldo-Lessinia
Elisabetta Brisighella, direttrice del GAL Baldo-Lessinia

INTERVENTO 19.1.1 INTERVENTO 19.4.1

“Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
Organismo responsabile dell’informazione: Gal Baldo Lessinia.
Autorità di gestione: Regione Veneto – Direzione AdG FEASR Bonifica e Irrigazione”