Categorie
News

Paesaggi storici rurali, nasce l’associazione nazionale

Alti Pascoli della Lessinia e Colline Terrazzate della Valpollicella: saranno rappresentati anche questi due straordinari Paesaggi della provincia veronese domani 13 luglio, alle ore 11, nella sede Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

L’occasione sarà la nascita dell’associazione che riunisce i 27 paesaggi rurali storici iscritti al Registro Nazionale, tra cui, appunto, quelli scaligeri, sostenuti nel loro percorso di iscrizione nel registro proprio dal GAL Baldo-Lessinia.

I promotori degli Alti Pascoli della Lessinia

L’iniziativa di domani arriva a seguito del primo Congresso dei Paesaggi Rurali di Interesse Storico (PRIS), tenutosi a Firenze lo scorso autunno, durante il quale si erano poste le basi per la nascitura Associazione dei Paesaggi di Interesse Storico tra i quali figurano, tra gli altri anche i vigneti terrazzati del versante retico della Valtellina, che esprimono una delle più interessanti tipologie di Nebbiolo; i limoneti di Amalfi, i muretti a secco che contraddistinguono le coltivazioni tradizionali sull’Isola di Pantelleria, la fascia olivata tra Spoleto e Assisi e le colline di Pienza e Montepulciano.

A suggellare la firma al Mipaaf sarà il direttore generale Giuseppe Ambrosio, che aprirà la mattinata. Seguiranno gli interventi dei rappresentanti del Comitato Promotore: Chiara Zanoni, Architetto, in rappresentanza del Paesaggio degli Alti Pascoli della Lessinia e del Paesaggio delle Colline Terrazzate della Valpollicella, Roberta Casini, Sindaco del Comune di Lucignano (AR), in rappresentanza del Paesaggio storico della Bonifica Leopoldina in Valdichiana e Patrizia Lusi, Commissario straordinario ASP Zaccagnino, in rappresentanza del Paesaggio agrario di olivastri storici del Feudo di Belvedere, in Puglia. 

Chiara Zanoni, a sinistra, con i promotori dell’iscrizione nel Registro della Colline terrazzate della Valpolicella.

I 27 Paesaggi Storici rappresentano altrettanti esempi di agricoltura sostenibile e resiliente alla cui base vi è l’interrelazione tra uomo e natura che convivono in modo armonico basando la propria rispettiva esistenza su un rapporto di reciprocità. 

Tra i vari obiettivi di questa importante associazione vi sono:

  • la promozione di iniziative di valorizzazione delle produzioni agro-alimentari
  • l’attuazione di politiche di supporto all’attività dei coltivatori
  • la collaborazione con gli enti locali per la migliore conoscenza e valorizzazione degli stessi
  • l’elaborazione di progetti e programmi di intervento e valorizzazione a vario livello . 

Oltre a Chiara Zanoni a rappresentare la Lessinia, vi sarà anche Raffaello Campostrini sindaco di Sant’Anna d’Alfaedo, referente degli Alti Pascoli e consigliere del GAL Baldo-Lessinia, l’ente che ha finanziato i due progetti di valorizzazione territoriale, che dichiara: «Dopo la nascita di una rete a livello locale per la salvaguardia dei nostri pascoli, ora nasce anche una rete nazionale, siamo orgogliosi di essere all’interno di questi 27 paesaggi storici a livello italiano, far parte di questo gruppo ci consentirà di salvaguardare la cultura e la biodiversità del nostro territorio».

Il consigliere del GAL Baldo-Lessinia Raffaello Campostrini

«Insieme si va più lontano. – commenta il presidente del GAL Baldo-Lessinia Ermanno AnselmiI 27 paesaggi, dopo un percorso sui propri territori fatto di condivisione, di ricerca, di studio che ha portato all’iscrizione nel Registro Nazionale, ora fanno un passo ulteriore, si costituiscono in associazione: é l’inizio di un nuovo percorso, un segno di maturità».

«Mettersi insieme – prosegue Anselmi – significa essere più rappresentativi e avere un maggiore potere contrattuale, significa anche ampliare l’opera di sensibilizzazione nei confronti di altri territori sui temi della sostenibilità che sono propri di questo Registro».

«Come GAL – conclude il presidente – siamo molto orgogliosi di aver finanziato i progetti di iscrizione degli Alti Pascoli della Lessinia e delle Colline terrazzate della Valpolicella, un percorso che ha raggiunto il suo obiettivo e a cui tenevamo particolarmente».

Ermanno Anselmi, presidente del GAL Baldo-Lessinia.
Ermanno Anselmi, presidente del GAL Baldo-Lessinia.

INTERVENTO 19.1.1 INTERVENTO 19.4.1

“Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
Organismo responsabile dell’informazione: Gal Baldo Lessinia.
Autorità di gestione: Regione Veneto – Direzione AdG FEASR Bonifica e Irrigazione”