Programmazione 2023-2027

Le proposte di regolamento sulla PAC 2023-27 introducono un nuovo modello di attuazione, che prevede l’elaborazione da parte dello Stato membro di un Piano Strategico Nazionale, al cui interno prevedere gli interventi previsti in entrambi i pilastri finanziati dal FEAGA e dal FEASR. Gli interventi così programmati dovranno concorrere al raggiungimento di 9 obiettivi specifici e un obiettivo trasversale della futura PAC.

Il New Delivery Model, ovvero la nuova architettura che la Commissione Europea ha proposto, si basa sul concetto che ogni Stato Mmebro progetti un unico PSN, contente le disposizioni per sostenere le finalità della PAC attraverso l’azione complementare degli strumenti del primo e secondo pilatro, che nella programmazione 2014-2020 erano distinti e dove in particolare gli strumenti del secondo pilastro erano gestiti dalle Regioni tramite i Programmi di Sviluppo Rurale (EC, 2021; Carey, 2019). Il PSN deve essere strutturato sui nove obiettivi strategici, raggruppati in tre obiettivi generali (OG: economico, ambientale e sociale), più un obiettivo trasversale sulla conoscenza e l’innovazione (AKIS).

Questo nuovo modello trasferisce maggiore autonomia e responsabilità agli SM, sempre nel rispetto dell’impianto generale della PAC e degli obiettivi definiti a livello unionale (Angeli et al., 2020), e dovrebbe permettere di rispondere in maniera più adeguata alle specifiche esigenze nazionali e di implementare più liberamente le proprie strategie, oltre a permettere il passaggio tra un approccio basato sulla conformità a un approccio orientato ai risultati. Secondo i Servizi della Commissione, un unico Piano nazionale è comunque in grado di affrontare specificità regionali e territoriali, applicando alcune modalità di regionalizzazione nella definizione della logica di intervento: a monte nell’identificazione delle esigenze e, a valle, attraverso modalità specifiche di implementazione.


INTERVENTO 19.1.1 INTERVENTO 19.4.1

“Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
Organismo responsabile dell’informazione: Gal Baldo Lessinia.
Autorità di gestione: Regione Veneto – Direzione AdG FEASR Bonifica e Irrigazione”